Spring Break ad arrampicare tra le fessure del Piemonte

A caccia di granito e fessure tra "La strategia del ragno" in Val Soana e le falesie della Val d'Ossola.


Stefano ha terminato la settimana di esami di scialpinismo e non vuole più pensare agli sci per qualche giorno, io ho semplicemente voglia di fare un giro in un posto diverso.. E così carichiamo sulla nostra macchina sempre pronta all'avventura il necessario e ci dirigiamo verso ovest, a caccia di fessure e granito!


Scaliamo un paio di giorni a Cadarese, meta di successo garantito.. e che ugualmente garantisce di cucinarci spalle e braccia in soli due giorni, visto lo scarso livello di allenamento che abbiamo sulle braccia in questo periodo dell'anno.

Ad ogni modo, il posto bellissimo, la roccia di ottima qualità, le fessure estetiche, la compagnia di una paio di amici ed il sole sulla pelle.. Ci permettono di goderci due belle giornate dove rispolveriamo le tecniche di incastro e ci mettiamo anche in saccoccia qualche soddisfazione!


Mustang Cadarese Val d'Ossola trad climbing arrampicata friends protezioni veloci
Mustang, 7c, salito pink point al secondo giro

Per tentare di riposare un po' i muscoli violentati negli incastri, il giorno seguente scaliamo alla falesia di Esigo.

Nulla di ché, soprattutto perché essendo ad inizio stagione ed il luogo molto umido, la roccia è ancora polverosa e muschiata. Il settore più lontano spostandosi verso destra ci regala però tre bellissimi tiri in parte tecnici ed in parte strapiombanti, che ci fanno rientrare alla macchina esausti anche oggi.


vololibero hike&fly volare paragliding Belice Piemonte atterraggio decollo vela parapendio
Una calda giornata in cielo, a guardare il mondo dall'alto.. e si ricaricano le batterie!

Ed infine, dopo aver risvegliato nella nostra memoria motoria cosa significa posare un piede sul granito ed incastrare mani e dita in fessura e Stefano ha alleggerito i pensieri con un volo in parapendio.. Ci godiamo la nostra giornata piena appesi in parete e ci addentriamo in Val Soana.

In Val Soana sembra ancora autunno: il paesaggio è molto silenzioso e colorato di tonalità marroni, la roccia pure è grigio scuro e l'unica avanguardia primaverile è la profumatissima Dafne che sboccia coi suoi piccoli fiori viola prima ancora di germogliare le foglie verdi.



La nostra via si chiama "La strategia del ragno" e si trova sulla parete sud-ovest di Ancesieu. E' una via di 350 metri (12 lunghezze) mediamente sul 6b/6c ed un tiro di 7b, interamente a protezioni tradizionali salvo le soste attrezzate su spit. Alcuni amici locali ci hanno suggerito quest'itinerario, speranzosi che lo trovassimo asciutto e non troppo "sporco" viste le scarse ripetizioni.

arrampicata trad granito fessura val soana piemonte guida alpina corso arrampicata

La parete si è rivelata poi perfettamente asciutta e solo in parte polverosa, soprattutto sulle prime lunghezze, e la via bella, speciale per l'ambiente selvaggio e silenzioso, non eccellente per la tipologia di gneiss ma comunque con due/tre lunghezze meritevoli (in particolare la cosiddetta "variante del regista", L4). Ci si impiega un'ora abbondante per l'avvicinamento, inerpicandosi sù per un ripido canale a tratti un po' roccioso da affrontare assolutamente in condizioni asciutte, per raggiungere il Combetto degli Embronei, da cui inseguendo i camosci in breve si aggira la parete e si raggiunge l'attacco. All'attacco c'è uno spit ben visibile.

Per chi si addentra in Val Soana in tenda o automunito, vi suggeriamo la bellissima area di sosta appena dopo la frazione di Convento, a 5 minuti dal parcheggio per Ancesieu: è un grandissimo prato con bagni, acqua, barbecue e torrente (possibilità che sia a pagamento in alta stagione). Lasciate la birretta in fresca nel torrente la mattina e godetevela poi al rientro dalla via!



Vi lasciamo alle foto per immergervi un po' anche voi nella nostra avventura verticale.. Con l'augurio di tornare presto appesi di nuovo alla corda!

991 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti