Cascate di ghiaccio - consigli utili per iniziare

Aggiornamento: mar 12

Siete alle primissime armi con il ghiaccio e ancora non ci capite niente di gradi, protezioni e scelta dell'itinerario?


corso ghiaccio arrampicata cascate Braies Dolomiti

In questo articolo ci rivolgiamo a chi si vuole avvicinare o si sta avvicinando a questa disciplina per la prima volta e quindi ancora ignora o non capisce molto il mondo dei gradi, come ci si protegge, quali fattori si valutano per scegliere una cascata da scalare.


Premettiamo che l'arrampicata sul ghiaccio è un'attività potenzialmente pericolosa e non si impara a gestire il rischio da un articolo o video tutorial sul web.


"E' attraverso l'esperienza sul campo che si impara veramente a muoversi in montagna, ma bisogna farlo con molta coscienza e attenzione. "


corso ghiaccio arrampicata cascate Colfosco Dolomiti

Per chi vuole scoprire questa disciplina, il consiglio più spasmodico è quello di seguire un corso. Alpine Vibes vi offre la formula del corso su due giorni, dove si punta all'autonomia su una cascata di più tiri; così come una giornata singola di monotiri per scoprire se l'attività piace o meno. L'arrampicata su ghiaccio, per quanto sembri un'attività molto fisica e "mascolina", è invece una disciplina estremamente tecnica: imparare le nozioni di base della progressione su ghiaccio vi risolverà gran parte dei problemi e dimezzerà (anzi.. ben più che dimezzerà) la fatica!

Sul nostro sito e sulla pagina facebook trovate tutti i dettagli.


Premesso ciò, ci piace comunque trasmettervi qualche informazione di base per cominciare ad esplorare un po' questo mondo, anche solo in modo virtuale, capendo qualcosa di quel che si legge!


Difficoltà

La difficoltà di un tiro di ghiaccio ha una scala in numeri romani che va dal I al VII. La difficoltà è crescente in base all'aumentare di:

- verticalità (da appoggiata, a verticale a leggermente strapiombante);

- lunghezza (e quindi tratti a verticalità costante per molti metri e molte lunghezze sostenute da scalare);

- ambiente invernale difficile da raggiungere perché richiede esperienza alpinistica e capacità di valutazione dei rischi;

- grado di rischio durante l'arrampicata stessa (difficoltà di protezione, instabilità del ghiaccio, difficoltà di valutazione del rischio).


Protezioni

La protezione utilizzata sul ghiaccio dal primo di cordata è la vite da ghiaccio. Ogni marca fa il suo modello, ma fondamentalmente le viti si distinguono per lunghezza. Si sceglieranno viti più o meno lunghe a seconda dello spessore del ghiaccio, perché la vite deve penetrare nel ghiaccio per intero. Si prediligeranno le viti lunghe per realizzare la sosta (sempre su minimo due punti).

E' necessario comprare un moschettone porta materiale da attaccare all'imbrago per avere le viti a comoda portata di mano durante la scalata. Credeteci: chiodare è il momento più faticoso della scalata, è quindi fondamentale imparare a farlo bene in un contesto comodo e avere poi tutto il necessario predisposto sull'imbrago nel modo corretto.

Se volete dare un'occhiata allo shop Grivel, troverete tutto ciò che vi serve di ottima qualità.



Corda doppia e Abalakov

La discesa da una cascata può avvenire a piedi, ma più spesso in corda doppia. Le soste di calata da una cascata (se non ci sono già in loco) si realizzano con un'abalakov. L'abalakov non è altro che una clessidra creata sul ghiaccio con una vite lunga, dentro cui si fa passare un cordino utilizzato poi per passarci le corde per la calata in corda doppia.


Scelta dell'itinerario

La scelta dell'itinerario si compie innanzitutto individuando con oggettività il proprio livello. Stabilito qual è il grado che vogliamo e possiamo scalare, non si possono trascurare le difficoltà legate all'avvicinamento. Spesso le cascate sono difficili da raggiungere, perché incassate in ripidi canali, in luoghi non solo faticosi ma anche pericolosi per il rischio di valanghe. Se non si è in grado di valutare il rischio valanghe e di eseguire poi un eventuale ricerca in valanga, evitate gli avvicinamenti rischiosi.

Si individua il proprio livello quindi, si studia l'avvicinamento e ci si informa poi sulle condizioni, sia dell'avvicinamento che della cascata. Non abbiate timore di chiedere ad amici/conoscenti o guide locali che vi sappiano dare informazioni affidabili sulle condizioni.


"Ci sono cascate che variano di un grado pieno di difficoltà tra l'inizio stagione e il loro periodo più grosso. Stesso discorso vale per una cascata ormai cotta dal sole e dalle temperature, il cui rischio di crollo è molto alto."


Non ci resta che augurarvi.. Buon inizio e buon divertimento!!


152 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti